Benvenuti nel sito della Biennale delle Memorie

Adelina Cüberyan von Fürstenberg

Curatrice del Padiglione della Repubblica Armena alla 56esima Biennale Internazionale d’Arte di Venezia

Adelina Cüberyan von Fürstenberg

Curatrice del Padiglione della Repubblica Armena alla 56esima Biennale Internazionale d’Arte di Venezia

Biografia

Adelina Von Fürstenberg (Cüberyan Adelina von Fürstenberg-Herdringen) è una curatrice internazionale di origine armena, nata ad Istanbul. Ha frequentato Scienze Politiche e Sociali presso l’Università di Ginevra in Svizzera. È considerata una tra le pioniere dell’arte contemporanea, interessandosi ad artisti non europei e sviluppando un approccio multiculturale nell’arte. È stata fra le prime ha curare mostre di arte contemporanea allestite in spazi come: monasteri, grandi edifici pubblici, piazze, isole, parchi. L’obiettivo era di dare un contesto più ampio all’arte visiva, creando un dialogo tra l’arte e le questioni sociali in tutto il mondo.

Dopo aver seguito un corso d’arte contemporanea al Stedelijk Museum di Amsterdam e al Museo d’Arte e di Storia di Ginevra, Adelina Von Fürstenberg ha fondato nel 1974 il Centro d’Arte Contemporanea di Ginevra dirigendolo fino al 1989. Associazione che fin dalla sua creazione è stata un punto di riferimento per l’arte contemporanea in Europa, in cui Adelina Von Fürstenberg ha presentato mostre personali di artisti esponenti della Pop Art, di Fluxus, dell’arte concettuale, dell’arte minimalista, come Christian Boltanski, Daniel Buren, Sol LeWitt, Andy Warhol, Laurence Weiner, Francesco Clemente.

Ha organizzato anche molte mostre collettive, tra le quali “PROMENADES” nel 1985, nel Parco Lullin a Gentod, sulle rive del lago Léman. Un’esposizione en plein air di sculture e d’installazioni che ha visto la partecipazione di numerosi artisti, tra i quali Joseph Kosuth, Meret Oppenheim, Michelangelo Pistoletto, Marcus Raetz. Nello stesso periodo ha organizzato spettacoli con John Cage, Laurie Anderson, Philip Glass, Joan Jonas, Trisha Brown, Marina Abramović, Robert Wilson e molte mostre collettive, tra cui la ben nota mostra all’aperto passeggiate (1985), sul lago di Leman rive al Parc Lullin di Genthod, con le sculture e installazioni site-specific degli artisti esponenti dell’arte povera.

Dal 1987 al 1989, a Ginevra, ha presentato delle esposizioni presso le istituzioni internazionali che hanno sede a Ginevra. Nel Salone des Pas Perdus dell’International Labour Organization, ha presentato un modello dall’architetto americano Daniel Libeskind, “The Line of Fire” in scala 1/1, che sarebbe poi diventato il Jewish Museum Berlin.

Dal 1989 al 1994, ha diretto Le Magasin, Centre d’Art Contemporain di Grenoble in Francia, dove ha curato grandi mostre di importanti artisti quali Gino De Dominicis, Alighiero Boetti, Vito Acconci, Per Kirkeby, Ilya Kabakov, etc. e organizzato simposi e lezioni inerenti a svariate discipline: architettura, scienza e filosofia. Inoltre ha diretto per 4 anni l’Ecole du Magasin, una scuola per la formazione professionale di curatori di mostre d’arte contemporanea.

Nel 1993 per la 45° Biennale di Venezia ha co-curato il padiglione italiano e il padiglione russo. Ha anche curato la mostra “Trésors du Voyage” sull’isola di San Lazzaro. In questa occasione, la giuria internazionale della Biennale le ha assegnato un premio per la direzione di Le Magasin e il suo lavoro presso la scuola di curatori.

Nel 1995, in occasione del 50° anniversario dell’ONU, è stata invitata a curare la mostra”Dialogues de Paix”. Mostra internazionale presentata presso la sede dell’ONU a Ginevra. Chen Zhen, Tadashi Kawamata, Alfredo Jaar Kcho, Nari Ward, Robert Rauschenberg, Daniel Buren, Ousmane Sow, Kingelez sono alcuni dei 60 artisti provenienti da vari continenti che hanno contribuito alla mostra.

Nel 1996 ha fondato Art for The World. Dal 1998, ha lavorato in collaborazione con la direzione regionale del SESC di Sao Paulo in Brasile, curando grandi esposizioni, tra le quali “The Overexcited Body. Art and Sport in Contemporary Art, Voom Portraits” di Robert Wilson del 2008 e nel 2010, “Urban Manners 2” dedicato all’arte contemporanea indiana, per la prima volta in America del sud.

Adelina Von Fürstenberg nel 2008, per commemorare il 60° anniversario della dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (UDHR), ha creato e prodotto le storie di film sui diritti umani, ispirato dalla UDHR e composta da una serie di brevi film diretti da 22 prominenti video artisti e registi di tutto il mondo. Presentato in anteprima al Palais de Chaillot a Trocadero a Parigi. Successivamente il film è stato proiettato in più di 70 film festival.

Tra il 2011-2012 ha curato “The Mediterranean Approach”, una mostra itinerante sostenuta dal Cultural Council of the Union pour la Méditerranée e Marsiglia Provenza 2013, Capitale Culturale d’Europa. Al fine di sottolineare le differenze e le somiglianze come parte dell’identità profonda sottostante collegamento di tutti i popoli mediterranei. La mostra è stata presentata al Palazzo Zenobio a Venezia tra giugno e agosto 2011, durante la Biennale di Venezia, e tra febbraio e maggio 2012 a Marsiglia al MAC – Museo d’arte contemporanea e sarà esposta al SESC Pinheiros a Sao Paulo in Brasile, durante la Biennale di San Paolo del Brasile nel settembre 2012, in collaborazione con la direzione regionale di SESC Sao Paulo. Attualmente sta lavorando ad una nuova produzione, “Myths and Misconceptions” (titolo provvisorio), che mira a presentare e discutere di questioni relative al cancro, il suo controllo e la prevenzione, aumentandone consapevolezza e speranza nella lotta contro questa malattia per eliminare il cancro come malattia letale per le generazioni future e per sostenere coloro che lo combattono. Il film sarà composto da 6 brevi filmati originali di registi premiati da worldwide, tra i quali: Karim Aïnouz (Brasile), Faouzi Bensaïdi (Marocco), Sergei Bodrov (Russia/USA), Xiaolu Guo (Cina), Hüseyin Karabey (Turchia).

Gli incontri di Adelina Cüberyan von Fürstenberg

Concerto: “Patarag” con l’Ensemble Florilegium Vocis

27 set 2015
20:30
Biblioteca comunale, Palazzo Ducale - Martina Franca
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On PinterestVisit Us On Youtube